Archive for maggio 2014

LA SIGNORA JOAD

2 maggio 2014

FURORE“Ma’ era robusta, ma non grassa… i suoi piedi larghi e forti, scalzi, si muovevano lesti e agili sull’assito. I capelli fini e grigi erano raccolti in una piccola crocchia sulla nuca. Le maniche della veste coprivano fino al gomito le braccia forti e lentigginose, e le mani erano pienotte e delicate, come quelle di una bambina paffuta… La sua faccia carnosa non era dolce: era risoluta, garbata. I suoi occhi nocciola sembravano aver vissuto ogni tragedia possibile, salendo come gradini il dolore e la sofferenza fino a raggiungere una comprensione sovrumana e un sommo equilibrio. Sembrava conoscere, accettare, gradire il suo ruolo di cittadella della famiglia, di roccaforte inespugnabile… E il grande e umile ruolo di Ma’ in seno alla famiglia le aveva conferito dignità e una nitida, equilibrata bellezza… il ruolo di arbitro l’aveva resa remota e infallibile come una dea”.

Questa è la descrizione della signora Joad nella nuova, bella e integrale traduzione di Furore (The Grapes of Wrath in originale), capolavoro di John Steinbeck, (Bompiani, Milano, 2013, p. 104-105).
Avevo letto pochi anni fa la traduzione precedente, del 1940, sottoposta alla censura fascista e clericale e a una cultura linguistica formale, con tagli e rifacimenti arbitrari. Quella nuova,(leggi il seguito su Vorrei, oppure (more…)

Annunci